Qual è la strategia di email marketing più efficace?

02/07/19 12.30 / Di Maria Letizia Sgrò

La SEO permette di far trovare i tuoi contenuti agli utenti, ma effettivamente come rimani in contatto con le persone che hai raggiunto? Il funnel della metodologia dell’inbound marketing, come ben sai, non si ferma solo al primo contatto. Il lead deve essere costantemente alimentato perché diventi un promoter della tua azienda.

Hai mai pensato ad un’efficace strategia di email marketing che si sposi bene con i tuoi obiettivi? 

pexels-photo-261706

La domanda sorge spontanea: qual è la strategia di email marketing più efficace? La risposta è che puoi scoprirlo solo in un modo: facendo dei test e monitorando i risultati.

E, soprattutto, quali sono i tuoi obiettivi

Hai bisogno di acquisire lead? Perché non farli iscrivere alla tua newsletter?

Vuoi attirare e guidare l’attenzione dell’utente all’acquisto del tuo prodotto o a richiedere un contatto con te? Perché non utilizzare una strategia di lead nurturing?

 

Monitora il comportamento e gli interessi dei tuoi utenti

Se hai profilato al meglio il tuo lead saprai già quali sono i suoi interessi e le sue preferenze. Sai quali pagine ha visitato e quante volte? Ha compilato un form per ricevere uno specifico contenuto?

Una strategia di email nurturing basata su questo ti permetterà di inviare email personalizzate agli utenti in base ai loro gusti. Ricorda: non tutti i clienti sono uguali. Conoscere, segmentare e profilare  al meglio potrebbe essere il segreto per un’efficace strategia di email marketing. Sarà poi fondamentale guidarlo verso lo scopo ultimo, fornendo nelle email video, webinar, articoli, contenuti di valore e sconti speciali per determinate ricorrenze che rispecchino e alimentino gli specifici interessi.

 

pexels-photo-1061588

 

Fai attenzione all’oggetto dell’email

Secondo i dati di Direct Marketing Association pubblicati a febbraio 2019, il 47% percento degli utenti legge regolarmente l’oggetto dell’email ma poi non la apre.

Dunque scrivere un oggetto accattivante che possa far aprire l’email all’utente e cliccare la CTA non è banale, anzi. Molto spesso - e in questo pecco anche io - cancelliamo rapidamente le email della nostra casella di posta perché l’oggetto non ci interessa, o semplicemente non l’apriamo.

Sii creativo, breve, diretto.

Cattura l’attenzione con oggetti personalizzati, in modo da creare una conversazione individuale e instaurare un rapporto di fiducia. Informa cercando di essere il meno commerciale possibile. 

Testa e analizza

Nel mondo digitale puoi misurare tutto, e di conseguenza anche nell’email marketing. Analizza e misura per capire cosa funziona e cosa migliorare.

Ecco alcuni KPI da tenere d’occhio:

  • Delivery rate: la percentuale delle email che vengono effettivamente recapitate nella casella di posta. 
  • Open rate: il tasso di aperture unica sul totale delle email recapitate, indipendentemente dal numero di volte in cui il singolo lettore ha aperto e chiuso il messaggio.
  • Click rate: la percentuale dei destinatari che clicca su uno o più link contenuti all'interno dell'email.
  • Bounce Rate: la percentuale delle email inviate complessivamente ma che non sono state consegnate con successo. Esistono due tipi di bounce: un hard bounce, causato da indirizzi email non esistenti o non validi; un soft-bounce che indica un problema temporaneo di consegna, spesso dovuto ad una casella di posta piena o altre criticità legati al server del destinatario.
  • Tasso di Unsubscribe: la percentuale di utenti che decide di cancellarsi dalla lista di destinatari di una newsletter o di una mailing list.

Monitora i risultati. Solitamente un bounce rate che si avvicini al 90% potrebbe indicare che c'è qualcosa che non va nella tua email. Ma come fai davvero a sapere quale possa essere il problema? Il contenuto? La grafica? L'oggetto? Dunque se le percentuali non ti convincono fai degli A/B test per avere un quadro completo della capacità di engagement.

L’email marketing è uno strumento capace di mantenere un legame di fiducia con il tuo target, raggiungendoli con messaggi tagliati su misura. Ma la verità è che non esiste una giusta strategia di email marketing, se non quella che è adatta al tuo business e ai tuoi obiettivi. Tu li hai già definiti?

 

La trasformazione digitale è arrivata

Una strategia efficace di email marketing è solo uno dei tanti tasselli che compongono un’ottima strategia di marketing digitale. Scopri come implementare la digital transformation nella tua azienda partecipando ai nostri eventi gratuiti ed entra a far parte della nostra community

Partecipa al nostro prossimo evento e scopri di più su Digital Building Blocks e su come entrare a far parte della community dei Chief Digital Officer, un gruppo esclusivo di professionisti in ambito Digital con cui confrontarsi e generare opportunità di business. 

PARTECIPA AGLI EVENTI

Topics: Inbound Marketing

Maria Letizia Sgrò

Scritto da Maria Letizia Sgrò

Laureata in Economia Aziendale e attualmente Digital Strategy Consultant a Guanxi, ricopre il ruolo di Inbound Marketing Strategist.

Potrebbe interessarti: