Differenza tra content marketing e Inbound

12/09/19, 12:30 / Di Pamela Treglia

Con il termine Inbound Marketing ci si riferisce ad una metodologia volta ad aiutare le varie imprese nella creazione di relazioni 1:1, che abbiano un impatto duraturo dapprima con quelli che sono semplici utenti (visitatori), ma che successivamente (se siamo stati bravi con la nostra Inbound Strategy) diventeranno potenziali clienti.


Differenza tra content marketing e inbound - DBB

In questi due post puoi approfondire la metodologia e i vantaggi dell’Inbound Marketing.

 

Qui che entra in gioco il Content Marketing

Come si riesce a creare tale impatto nei visitatori? Offrendo loro contenuti utili: blog, e-mail pagine sul sito web o sui social (ogni social prevede un diverso approccio al contenuto: un blog post non potrà avere l’immediatezza e la snelleza di un tweet) e tante altre ancora.

Senza contenuti non ci sarebbe nulla da offrire.

 

Il Content Marketing può essere considerato una parte di strategia dell’Inbound Marketing, poichè riveste un ruolo cruciale nel portare le persone da una fase all’altra della metodologia inbound.

 

Entrando un po' più nello specifico, saprai che la metodologia Inbound si compone di tre fasi che coinvolgono il cliente durante il suo buyer’s journey: consapevolezza, considerazione e decisione (se vuoi approfondire questo argomento, ti consiglio di leggere questo post)

A sua volta, il content marketing si occuperà di produrre e distribuire contenuti specifici in ogni fase in cui si trova il potenziale cliente. 

 

Tipologie di content marketing all’interno delle fasi del buyer journey

Differenza tra content marketing e Inbound - DBB

Nella fase di awareness, la persona acquista consapevolezza circa il problema che deve risolvere ed inizia ad informarsi sulle possibili soluzioni.

In questa fase i contenuti da proporre all’utente mireranno non solo a fargli capire che l’azienda conosce il suo problema, ma saranno finalizzati anche all’acquisizione di una certa autorevolezza sull’argomento e conseguentemente fiducia da parte dello stesso.

Ciò avviene elaborando contenuti che, grazie all’utilizzo di specifiche parole chiave, esprimono i sintomi di un certo problema e ne offrono possibili soluzioni.

Cosa fondamentale: i contenuti  offrono al potenziale cliente informazioni utili; bene quindi utilizzare ad esempio eBook, white paper e video, offrendo sia informazioni sul problema, che possibili soluzioni.

 

Nella fase di considerazione, l’acquirente ha compreso il problema ed ha effettuato ricerche volte a capire quale sia il miglior modo che il mercato offre per risolverlo o affrontarlo.

In questo step i tuoi contenuti offriranno informazioni di valore ed entreranno più nello specifico. Buoni quindi post focalizzati su argomenti specifici, demo gratuite in modo da poter sperimentare i suggerimenti offerti continuando a guadagnare la fiducia dell’utente, ed infine inviti a dimostrazioni dal vivo.

Ricorda che l’utente sta ancora confrontando le varie opportunità, quindi è importante lasciar lui spazio per altre valutazioni (si tratta ancora di potenziale cliente, egli non è pronto ad acquistare o intraprendere azioni specifiche).

 

Siamo all’ultima fase, quella di decisione

Il prospect ha le idee chiare ed è pronto ad acquistare la soluzione. Questo è il momento perfetto per presentargli altri consigli e soluzioni che risolvano la sua necessità, . Alcune tipologie di contenuto potrebbero essere report di casi studio, che testimoniano la risoluzione di un problema analogo o simile al suo, o ancora le recensioni degli altri clienti. 

La capacità degli operatori di marketing di segmentare i propri clienti è diventata molto più sofisticata nel corso degli anni. E tu sai impostare una buona strategia di Content Marketing? Clicca qui per scaricare il nostro e-book gratuito ed imparare a segmentare nel modo giusto il tuo target!

 

Due strategie in un unico percorso

Questo articolo dovrebbe averti chiarito la differenza tra il concetto di Inbound Marketing e Content Marketing. Oggi le persone non vogliono essere interrotte nel quotidiano da pubblicità prodotto o email spam; quando hanno problema o ricercano la soluzione a qualche cosa la vanno a cercare.

La filosofia Inbound si focalizza sul permesso e non sull’intrusione, entra in contatto con i clienti nel momento in cui ne hanno bisogno, e lo fa in modo utile e piacevole.

La messa in pratica di un contenuto “helpful”, che sappia rivolgersi nel modo giusto e nel momento giusto all’utente, è un aspetto cruciale, e proprio per questo una giusta content strategy affianca quella di Inbound Marketing e offre il giusto contenuto in ogni fase attraversata.

Se sei interessato ad approfondire l'argomento Inbound Marteking, clicca qui sotto:

Scopri di più

Topics: Inbound Marketing

Pamela Treglia

Scritto da Pamela Treglia

Laureata in ingegneria e appassionata di Digital, ha iniziato a collaborare in Guanxi occupandosi di Inbound Marketing.

Potrebbe interessarti: