Cosa le assicurazioni possono imparare da Google.

28/07/17 13.02 / Di Michele Treglia

Assicurazioni cosa apprendere da Google (1).png 

Ciao a tutti e bentrovati. Oggi voglio confrontarmi con voi su un paio di aspetti che contraddistinguono Google, una delle aziende più innovative al mondo, cercando di capire come le assicurazioni e i loro managers possono trarne vantaggio.

 

I) 20% del Tempo

In particolare è interessante capire come Google richieda ai propri dipendenti di impiegare il 20% del loro tempo a studiare tematiche nuove che li appassionano. Sai cosa significa? Che 1 giorno a settimana lo dedicano ai propri progetti e ad esplorare nuovi mercati. Passioni, qui si parla di passioni, cioè lavorare su quella cosa che ti senti dentro e che fa parte di te. Questo “gioco” in Google ha tirato fuori prodotti come: Gmail, AdSense, Google Talk e Google News.

 

assicurazioni nuovi trend.jpg

 

Come ben sappiamo il mondo delle assicurazioni sta cambiando molto velocemente e ci sono “territori” che sono ancora totalmente inesplorati o che stanno per essere scoperti in questi istanti.
È il caso del mondo Insurtech, l’alba di un nuovo modo di concepire l’assicurazioni.

 

I.I) Casi Pratici dove utilizzare il tuo tempo nelle Assicurazioni

Ma facciamo un esempio per toccare con mano l’enorme gap che il manager assicurativo di oggi può cogliere. Prendiamo 3 trends, tra i tanti, che sono destinati ad impattare massivamente sull’industria assicurativa e per ognuno di questi chiediamoci: “Chi nella mia azienda è esperto di questo o sta presidiando questa scena?” Se la risposta è negativa o comunque le unità si contano con due dita, allora quella può essere un’opportunità. Iniziamo:

    • Blockchain - Avrà un impatto enorme legato alla disintemediazione ed all’applicazione di contratti automatici “smart contract”. Ha già abilitato, come mai fino ad ora, l’utilizzo di nuovi strumenti finanziari, come derivati su catastrofi naturali es. “CatBond”;

    • Assicurazioni peer to peer -  Dette anche assicurazioni social, seguono il trend pazzesco della sharing economy e spesso sono la fusione tra modelli di business già esistenti come la mutua assicurazione e le potenzialità del Digital;

    • Assicurazioni on demand - Assicurazioni che si attivano al bisogno, solitamente con un design mobile first, quindi attraverso una app. In alcuni mercati sono già presenti, ma i mercati non presidiati da questo business model sono ancora decine;

 

Tre, non mille, tre (tra le tante opportunità ) che stanno cambiando per sempre il modo in cui l’assicurazione si approccia ed entra in contatto con il proprio cliente. Qual è adesso la risposta alla domanda che ci siamo posti all’inizio dell’elenco?!

 

Ecco.. consideriamolo come il gap da poter sfruttare per diventare l’esperto all’interno della tua azienda e portare innovazione. La verità è che presidiare i nuovi trends è come tornare a scuola... l’unica differenza è che quando si esce dalla fase di studio, qui si è tra i pochi esperti di un settore in elevato fermento.

II) Fallisci!

 

if you don’t fail often enough, you’re not trying hard enough

 

Non sto impazzendo, infatti questo è un motto di Google. In Italia non è ancora pienamente “sdoganato” il concetto dal fallire per apprendere, ma in aziende come Google, il fallimento è una tappa obbligata verso il successo.

 

fallire.jpg

 

Non a caso via via, vediamo diverse nuove opzioni che ci vengono fornite dal mondo Google e che poi spariscono, semplicemente perchè non hanno funzionato (metriche alla mano). Questa sperimentazione può essere applicata anche nel settore assicurativo attraverso l’introduzione di una nuova figura...

 

II.I) Insurtech Manager

La figura manageriale all’interno delle Compagnie Assicurative può trarre un enorme vantaggio dalle dinamiche interne di un’azienda come Google; enormi saranno quindi le opportunità di oggi per chi decide oggi di iniziare a pensare da Insurtech Manager.

 

Se vogliamo iniziare realmente a fare innovazione disruptive, bisogna anche iniziare a mutare il mindset, iniziando magari a parlare di apprendimento convalidato. È una di quelle “cose” di cui  si fa ampio uso nel mondo startup, se ne sente parlare infatti nel metodo “Lean Startup” di Eric Rice, che ci fornisce un’interessante punto di vista a riguardo:

“Una startup esiste per capire come creare un business sostenibile oltre che per creare un prodotto”.

Questo presuppone delle hp che poi vadano verificate e state tranquilli che il fatto di smentirle è spesso all’ordine del giorno.

L’Insurtech Manager è quindi una figura di mente profondamente aperta che sa sfruttare queste nuove dinamiche intorno a se attingendo “sapere” da modelli che vanno molto forte in altri settori e sdoganandoli nel proprio.

 

Conclusioni

Google è un modello di mindset e innovazione continua che impatta profondamente nella vita delle persone, per questo è importante ogni tanto buttare un occhio su quello che stanno inventando nell’azienda di Mountain View sia in termini di processi che di prodotti.

 

Per concludere ecco 3 buoni motivi per i quali un “Insurance Manager” deve trasformarsi in “Insurtech Manager”:

 

  • Il settore è nuovo, infatti è da appena un paio di anni che si sente parlare di Insurtech , questo fa si che ci sia ancora un enorme gap di posizionamento;
  • I trends da seguire sono spesso la naturale evoluzione di quello che già esiste (es. assicurazioni p2p ) quindi a maggior ragione ha importanza il punto successivo;
  • L’esperienza maturata nel settore ha un grande valore, che seppure sprovvisti delle competenze tecnologiche approfondite, può essere integrato e generare comunque il valore primario di un progetto tech;

A presto! Ciao!

banner-slack.jpg

Topics: Insurtech

Michele Treglia

Scritto da Michele Treglia

Michele Treglia già durante il conseguimento della laurea in Ingegneria all’Università degli studi di Firenze, ha iniziato la sua carriera occupandosi di progetti in ambito assicurativo e digitale. Focalizzato su come le nuove tecnologie e i nuovi modelli di business possano impattare sul mercato assicurativo, scrive contenuti riguardanti la trasformazione “Insurance to Insurtech”, collabora come insurtech consultant per alcune società profit ed organizzazioni no profit di rilievo nel settore digital. Formatore alle Compagnie sul tema della “Digital Transformation” ed “Insurtech Trends”.

Potrebbe interessarti:

Unisciti al cambiamento

Banner webinar dbb

Iscriviti alla newsletter

banner-sidebar.jpg

Articoli recenti

BECOME A DIGITAL LEADER!
Diventa il referente digitale per la tua rete.

Ti offriamo un'anticipazione di come è il nuovo modo di vivere e di lavorare sfruttando le tecnologie Digitali.


21 - 22- 23 Febbraio 2019  - Milano