Showrooming,  Webrooming e Unified Commerce: Il futuro dell’ecommerce è offline

10/07/17 12.47 / Di Eveljn Emmanuello

showrooming.jpg

Il 2016, si sa, è stato l’anno per eccellenza dell’ecommerce: moltissimi brand di ogni dimensione, italiani e internazionali, hanno accettato la sfida della digital trasformation lanciandosi nel commercio online. 

Sono nati così siti ecommerce proprietari e incrementata notevolmente le presenza di aziende e brand sui principali MarketPlace, come Amazon, Ebay e Alibaba. Il commercio si è “totalmente” spostato online e i negozi fisici hanno registrato un calo notevole nelle vendite, è inutile negarlo.

 

Esperti e ricercatori parlano di un’apocalisse del settore retail: moltissimi brand, soprattutto nel settore moda, hanno chiuso i propri negozi fisici, poiché non riescono a parlare la lingua del consumatore.

 

Che cosa sta succedendo al settore Retail?


Come detto nell’articolo precedente sui trend per il settore Retail, è in atto un profondo cambiamento della domanda e dell’offerta. Oggi, i bisogni del consumatore sono molto diversi rispetto al passato, devono essere analizzati e soddisfatti in tempo reale.

Gli utenti di Amazon, che possono definirsi oggi gli acquirenti online per antonomasia, si aspettano un servizio in tempi rapidi, il più possibile geolocalizzato e orientato a soddisfare le necessità più immediate.


Ma facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire quali sono stati i processi che hanno determinato questo cambiamento.


Parliamo di Showrooming e Webrooming, due pratiche molto diffuse tra gli utenti online che hanno rivoluzionato i retailer di tutto il mondo.


  • I consumatori showrooming  sono coloro che visitano un negozio per vedere un prodotto, ma poi acquistano il prodotto online da casa. Gli utenti che fanno showrooming spesso confrontano i prezzi che trovano sul punto vendita tramite lo smartphone e, in base ai risultati, stabiliscono se acquistare subito o attraverso ecommerce. A volte chi fa showrooming cerca di colmare l’eventuale mancanza di informazioni di un addetto vendita.
  • I consumatori webrooming, invece, cercano dei prodotti online, si documento e confrontano i prezzi,  prima di andare in un negozio fisico per la valutazione finale e l’acquisto.

Quello che ogni rivenditore deve tenere ben a mente però, è che ad oggi è quasi impossibile riuscire a fare una netta distinzione tra chi fa shoowrooming e un consumatore webrooming. Entrambi sono il risultato di un’esperienza unica e coesistono nello stesso consumatore, insieme (ovviamente) agli inseparabili smartphone.



Qual è quindi il futuro del commercio?

Le aziende devono essere in grado di creare un’esperienza dove online e offline e i diversi device si integrano costantemente. Molti negozi di eCommerce, alcuni dei quali nati esclusivamente online, stanno migrando offline.


Il futuro del commercio online sta nella trasformazione del business

e del negozio tradizionale.


Vediamo ad esempio Amazon Go: il negozio fisico e senza contanti di Amazon. Per acquistare i prodotti, il cliente deve mostrare un QR code all’ingresso. Una volta identificato dal sistema informatico, le telecamere nel negozio identificheranno i prodotti acquistati e il cliente riceverà a seguire la fattura, dal proprio account Amazon.

 

amazo go.png

 

La crescita della vendita online non vuol dire la fine dei negozi tradizionali:

nasce lo Unified Commerce

 

Ci siamo abituati a sentire spesso parlare di strategie multicanale, cross channel e poi Omnichannel. Arriviamo oggi allo sviluppo di nuovi scenari e nuovi modelli di business.

 

Come afferma Roberto Liscia, Presidente di Netcomm, “comincia una nuova fase che si definisce e-commerce conversazionale, in cui l’offerta di acquisto supera le suddivisioni tra fisico e virtuale”.



Che cosa devono fare i retail per sviluppare l’Unfied Commerce?

 

  • Intercettare l’utente e portarlo a finalizzare l’acquisto online o offline: i rivenditori hanno oggi tutta la tecnologia necessaria per intercettare i clienti, riconoscerli e per fidelizzarli (leggi l’articolo per approfondire).
  • Stimolare la visita nel punto vendita tramite offerte e privilegi esclusivi, assistenza al cliente di alto livello.
  • Intervenire tempestivamente e in base alla localizzazione sfruttando le logiche di prossimità.

 

Diventa fondamentale per ogni retailer dotarsi di una piattaforma centralizzata in cui far convergere tutti i canali, raccogliere i dati dei consumatori e analizzarli in tempo reale.


Nel nuovo paradigma economico, insomma, sono le tecnologie e le piattaforme a farla da padrone. La chiave per il successo però, come in tutti i business, riguarda il saper  analizzare e sfruttare i dati che si hanno a disposizione.

Topics: E-commerce

Eveljn Emmanuello

Scritto da Eveljn Emmanuello

Progettista Multimediale e Digital Analyst, dal 2012 lavora in ambito digital, specializzandosi nella definizione e nel monitoraggio dei KPI, per determinare le performance di una strategia di Marketing.

Potrebbe interessarti:

Unisciti al cambiamento

Banner webinar dbb

Iscriviti alla newsletter

banner-sidebar.jpg

Articoli recenti

BECOME A DIGITAL LEADER!
Diventa il referente digitale per la tua rete.

Ti offriamo un'anticipazione di come è il nuovo modo di vivere e di lavorare sfruttando le tecnologie Digitali.


21 - 22- 23 Febbraio 2019  - Milano