Quali sono i Pro e i Contro di Vendere sui MarketPlace?

26/09/17 13.20 / Di Eveljn Emmanuello

vendere su Amazon e eBay

 

Sei un retailer e ogni giorno sei sempre più tentato di sperimentare la vendita online per trovare nuovi clienti? Stai valutando un MarketPlace ma non sai quale sia quello più adatto al tuo business?

Prima di iniziare a valutare i vantaggi e gli svantaggi che si possono incontrare ampliando il proprio mercato delle vendite all'e-commerce online, andiamo a vedere nel dettaglio che cosa sono i MarketPlace.

Letteralmente la parola significa "mercato". E di questo effettivamente si tratta, nonostante non sia fisicamente presente. I MarketPlace non sono altro che luoghi di scambio tra venditori e compratori in cui il proprietario del sito assume la figura di intermediario. In quanto intermediario, egli guadagna in percentuale sulle vendite-acquisti effettuati.

I due colossi presenti a livello mondiale sono decisamente Amazon e eBay. Essi sono nati rispettivamente nel 1994 e nel 1995, ma hanno iniziato a prendere piede nei primi anni 2000.

 

Vendere su Amazon

Molte aziende hanno la necessità di vendere su Amazon, molte di esse  vendono solo tramite questo sito e non hanno un ecommerce privato.

Si è stimato che il 50% di chi compie acquisti online passa da Amazon. I motivi per cui avviene ciò sono molteplici. Per prima cosa Amazon è molto ben posizionato, ovvero i link di Amazon si trovano sempre tra i primi risultati nelle pagine di ricerca, ed ecco che chi acquista è spinto a scegliere proprio il prodotto proposto da Amazon.


Non solo, Amazon acquista la maggior parte degli annunci dei motori di ricerca, ovvero i link presenti nelle pagine che si trovano in prima posizione  nella rete di ricerca di Google.

Il secondo motivo per cui Amazon è un MarketPlace molto richiesto e utilizzato, è che ci sono davvero infinite categorie in cui poter fare acquisti. Pensi che Amazon non sia adatto al tuo settore? Prova a navigare tra i prodotti proposti, ti accorgerai che troverai di tutto, dai libri ai prodotti per il giardinaggio.

Infine, anche se forse rappresenta il motivo principale che spinge gli utenti ad acquistare su Amazon, c’è la fiducia. Negli ultimi anni, Amazon ha fatto della cura del cliente la sua vera forza. Il consumatore finale è al centro di tutte le strategie di Amazon, dai prezzi alla politica sui resi, dall’assistenza alla consegna.


Questi possono essere motivi sufficienti per farti decidere di inserire i tuoi prodotti nel catalogo Amazon. Ma prima è necessario che tu conosca nel dettaglio tutti i vantaggi e svantaggi del caso.


Quali sono i vantaggi di vendere su Amazon?

Parliamo di numeri: gli utenti presenti su Amazon sono 300 milioni: una cifra da non sottovalutare. Su Amazon questi utenti non solo potranno comprare i tuoi prodotti, ma avranno anche l'opportunità di conoscere il tuo brand. Tramite Amazon essi potranno avere l'opinione di altri utenti sul tuo prodotto e potranno chiedere loro consigli e opinioni in modo diretto. Se hai un buon prodotto su cui fare affidamento, Amazon è decisamente il posto che fa per te.


Un secondo motivo che può spingerti a sceglierlo, è che Amazon vanta un pannello estremamente facile da utilizzare, soprattutto se sei già attivo con un tuo e-commerce personale. Se sono già presenti prodotti simili ai tuoi nel catalogo, allora l'inserimento sarà immediato. Inoltre, viene offerta al cliente assistenza per ogni tipo di operazione tramite il Servizio Venditori che risponde tempestivamente.


L'aspetto più interessante, poi, è quello che riguarda la spedizione. Di questo si occupa interamente Amazon, ed è il vero scoglio per chi vuole intraprendere un e-commerce. La logistica di trasporto è un aspetto molto costoso e complicato, soprattutto per il venditore. Amazon offre, invece, spese di spedizione gratuite per l'acquirente che sottoscrive un abbonamento Prime, il che incrementa gli acquisti (e le tue vendite).

Un altro importante vantaggio della vendita tramite Amazon è che non è necessario investire su una figura professionale che si occupi del sito, della sua creazione e della sua manutenzione. Amazon è molto intuitivo e non necessita di un individuo specializzato, per cui se sei una piccola azienda puoi occupartene in prima persona.


Quali sono i contro di vendere su Amazon?

Come in tutte le cose, anche in questo caso ci sono degli elementi che devono essere presi in considerazione prima di iniziare a vendere su Amazon.

Devi tenere presente che i clienti che acquistano la tua merce su Amazon sono i clienti di Amazon e non ancora i tuoi. Con ciò non puoi sperare che il cento per cento di chi ha acquistato un tuo prodotto tramite questa piattaforma, poi automaticamente venga indirizzato sul tuo sito. Anzi, Amazon è ben predisposto a non farlo avvenire. Non verrai pubblicizzato in quanto venditore singolo, ma verrà pubblicizzato solamente il tuo prodotto, inserito dentro un catalogo di altri prodotti simili.

In questo modo il cliente non si interessa dell'azienda che la produce e la sua sensazione sarà semplicemente quella di aver acquistato un prodotto su Amazon, come se questo ne fosse il proprietario.

Anche tu ne sarai in qualche modo alle dipendenze. Non avrai un controllo sui tuoi prodotti, non sarai a conoscenza del cliente che ha effettuato l'acquisto e non avrai  accesso né alle informazioni demografiche, né agli indirizzi email, e ciò non ti permetterà di ottimizzare le tue vendite.

Parlando di numeri, se è vero che sono presenti 300 milioni di clienti, sono altrettanto presenti 2 milioni di aziende in tutto il mondo. La percentuale delle aziende che vendono il tuo stesso prodotto o uno simile è davvero molto alta, per cui sarà veramente molto difficile emergere e posizionarsi al di sopra della concorrenza. Esistono, infatti, determinate strategie e strumenti specifici che potrai utilizzare per competere all’interno di Amazon.


Vendere su eBay

Analizziamo adesso il secondo MarketPlace più diffuso in Italia: eBay, un MarketPlace nato nel 1995, un anno dopo l'avvento di Amazon. La presenza di clienti su Ebay è notevolmente inferiore rispetto ad Amazon, ma  le sue diverse modalità di vendita offrono numerosi aspetti vantaggiosi  da analizzare nel dettaglio prima di iniziare ad utilizzarlo come piattaforma di commercio online.


Quali sono i vantaggi di vendere su eBay?

Un grosso vantaggio della vendita tramite eBay è che il venditore può scegliere tra diverse modalità di vendita, tra cui anche l'asta online.

L’utilizzo delle aste online, consente di vendere i tuoi prodotti al miglior offerente. Questa modalità attrae, ancora oggi, moltissimi consumatori, soprattutto per quanto riguarda,  prodotti di nicchia, pezzi usati o difficili da trovare altrove.

Il vantaggio più grande di vendere su eBay è quello della minore concorrenza rispetto a quella presente su Amazon.Inoltre, a differenza di Amazon,  eBay offre al venditore degli strumenti che semplificano il modo in cui mettere in risalto il proprio marchio su un negozio eBay.


Quali sono i contro di vendere su eBay?

Se è vero che la concorrenza è minore, anche il numero di clienti si abbassa, il che può essere un aspetto negativo perché il mercato si restringe. Un altro problema in cui puoi incorrere, sono i costi di commissione di vendita. Essi sono pari alla tassa di inserimento di 0,35 centesimi/prodotto, che si attiva dopo il cinquantesimo prodotto inserito, e al 10% del prezzo di vendita, che comprende Iva e spese di spedizione, infatti eBay offre molto meno assistenza e vantaggi sulle spedizioni rispetto ad Amazon.


Conclusioni

In conclusione, primi di scegliere il MarketPlace adatto a te, devi iniziare a valutare di cosa hai bisogno e soprattutto che tipo di prodotto stai vendendo.

Inoltre, poniti alcune domande, le affronteremo nei prossimi articoli:


Raccontaci anche tu la tua esperienza di vendita sui MarketPlace.

Topics: E-commerce

Eveljn Emmanuello

Scritto da Eveljn Emmanuello

Progettista Multimediale e Digital Analyst, dal 2012 lavora in ambito digital, specializzandosi nella definizione e nel monitoraggio dei KPI, per determinare le performance di una strategia di Marketing.

Potrebbe interessarti: