L’utilizzo dell’immagine in una campagna di Lead Generation

04/10/17 12.22 / Di Andrea Seggioli

immagine nella lead generation.jpg

 

Come nella scrittura ci sono regole precise per attirare e mantenere l’attenzione durante la lettura, anche per creare un’immagine attraente e in grado di comunicare con precisione quello che vuoi ci sono principi da seguire. Nell'attimo in cui si guarda, l'immagine comunica molto di più di un testo scritto, ma lo fa soprattutto emotivamente.

L’immagine è fondamentale, deve catturare l’attenzione del consumatore, deve essere immediata e deve indurre a comprare il prodotto, il servizio che tu offri o compilare un form di richiesta informazioni per far diventare il visitatore a tutti gli effetti un Lead. Questo vale nel marketing convenzionale, ma ancora di più nel digital marketing e nel social media marketing, dove il timing del processo di acquisto o quello di acquisizione di un lead è molto più veloce. Dal 2016 l’uso del mobile per navigare in internet ha superato quello del computer, e il 55% dei visitatori passa mediamente meno di 15 secondi su una pagina web. Uno studio su 200.000 pagine web mette in evidenza che i primi 10 secondi sono i più critici, infatti in questo lasso di tempo il Bounce Rate è più elevato. Se la pagina sopravvive ai primi 10 secondi la probabilità che abbandoni la pagina diminuisce. Quindi è essenziale attrarre il consumatore e il modo ottimale per farlo è usare immagini creative che “rompano” la monotonia della pagina e veicolino il visitatore a compiere la CTA -call to action.

Purtroppo, come avrai notato, le best practices per creare un’immagine accattivante e renderla coerente al contesto  sono molto più complesse e difficili da definire e da mettere in atto: colori, qualità, coerenza col prodotto, luce e profondità. Addirittura il momento storico in cui viene pubblicata può avere un peso. E sono solo alcuni dei punti fondamentali.

Quelle che puoi mettere in atto fin da subito sono delle regole semplici che però portano ad un risultato efficace.

 

Il muro di testo

Allo stesso modo i cui usi i paragrafi per separare punti e rendere più digeribile il testo al pubblico, dovresti usare le immagini per separare punti e rendere il testo più facile da capire. I lettori sono pigri! Quando i consumers vengono a contatto con un muro di testo, la prima cosa che fanno è cercare di trovare un'altra fonte. Anche se il tuo muro di testo non è molto lungo, se sembra troppo difficile da leggere, in poche persone lo leggeranno e la possibilità che l’utente clicchi sulla CTA si abbasserà.

 

Usare immagini di qualità

Se usi immagine di scarsa qualità, ad esempio sfocate, il potenziale cliente sarà meno predisposto a cliccare la CTA. Un’immagine di bassa qualità fa pensare al lettore che il servizio o il prodotto che offri sarà di bassa qualità.

Sceglieresti l'immagine a destra o a sinistra?

 

L'importanza dell'immagine nella Lead Generation.jpg

 

Usa immagini di cui hai la licenza di utilizzo

Questa ti può sembrare una cosa banale. Non tutti usano immagini di loro proprietà o hanno la licenza. Quando cerchi su internet un’immagine da usare, controlla qual è l’estensione della licenza di utilizzo.

Le licenze possono essere:

  • Royalty Free: non è così tanto “free” come sembra. Puoi usare un’immagine royal free ma non hai la possibilità di modificarle e rivenderle.
  • Rights Managed: se compri questa immagine, puoi usarla solo una volta. Devi anche decidere prima come la userai. Ad esempio se userai questa immagine in una landing page o un post su Facebook non potrai utilizzarla in un video.
  • Public domain: questo tipo di immagini non hanno restrizioni. Non hai bisogno di alcun permesso prima di usarla. Anche se di pubblico dominio è buona prassi attribuire l’immagine a chi l’ha creata.
  • Creative Commons: le immagini sono state concesse dall’autore e nella maggior parte dei casi devi provvedere all’attribuzione al creatore.
Creatività

La creatività è un concetto troppo esteso da poter spiegare in 2 parole.

L’immagine deve essere personale e fuori dagli schemi. Unico dato importante che voglio darti è che il ROI di una campagna dipende dal 5-35% dal targeting e il 50-80% dalla creatività

Ma - ricordati - il messaggio attraverso un'immagine, fissa o in movimento che sia, deve saper cogliere l'attimo per emergere e innescare effetti positivi.

Topics: Lead Generation e processi di vendita

Andrea Seggioli

Scritto da Andrea Seggioli

Digital native pronto ad affrontare le nuove sfide e cogliere tutte le opportunità che il digital offre

Potrebbe interessarti:

Unisciti al cambiamento

Banner webinar dbb

Iscriviti alla newsletter

banner-sidebar.jpg

Articoli recenti

BECOME A DIGITAL LEADER!
Diventa il referente digitale per la tua rete.

Ti offriamo un'anticipazione di come è il nuovo modo di vivere e di lavorare sfruttando le tecnologie Digitali.


21 - 22- 23 Febbraio 2019  - Milano