Data Studio: le funzionalità che forse ancora non conosci

03/09/19 12.30 / Di Gennaro Polito

Scopriamo insieme quali sono le funzionalità più particolari che un utente di Google Data Studio deve conoscere

Per chi ancora non lo sapesse, Google ha lanciato un nuovo strumento di business intelligence chiamato Data Studio nel maggio 2016. È uno strumento di reporting davvero utile che consente la creazione rapida di dashboard potenti e interattive da più origini dati di Google.

È un'ottima opzione per le piccole e medie imprese che già utilizzano gli strumenti di Google e che desiderano creare dashboard su misura per avere una visione globale della loro attività.

 

Quali sono le tecniche avanzate da padroneggiare su Data Studio

In questo articolo entriamo in dettaglio nell'analisi della piattaforma e vediamo insieme 6 tecniche da padroneggiare per la creazione di report dashboard usando Google Data Studio:

  • lavorare con le pagine,
  • aggiungere e filtrare i dati a livello di pagina,
  • aggiungere filtri di tipo "Date Range",
  • aggiungere i filtri di controllo,
  • elementi a livello di Report e a livello di Pagina,
  • creare campi calcolati.

 

Lavorare con le pagine su Google Data Studio

Le pagine consentono di visualizzare più report in una singola dashboard di Data Studio. Sono utili e semplici da implementare in Data Studio. È possibile utilizzare le pagine per eseguire il drill-down dei dati, iniziando da un foglio di riepilogo generale e passando poi a dettagli più specifici nei fogli successivi.

Ci sono due menu per i funzionamenti con le pagine, uno nella barra degli strumenti principale:

 

e uno nel widget di controllo della pagina nell'angolo in alto a sinistra della dashboard:

 

Il menu della barra degli strumenti è più esteso, ma entrambi consentono di navigare tra le pagine e aggiungerne di nuove. Il menu principale della barra degli strumenti consente di duplicare le pagine, una funzione utile se si imposta la prima pagina con gli stili di report, che possono quindi essere facilmente replicati.

L'opzione "Impostazioni pagina corrente" consente di specificare l'origine dati (vedere il punto 2 di seguito) per la pagina e controllare la combinazione di colori di sfondo:

 

Come aggiungere e filtrare i dati a livello di pagina su Google Data Studio

Puoi specificare origini dati a livello di pagina, piuttosto che individualmente per ciascun grafico (anche se è perfettamente accettabile). Il vantaggio di questo approccio a livello di pagina è che puoi applicare filtri che verranno quindi implementati su tutti i tuoi grafici in quella pagina.

Ad esempio, in questa GIF, aggiungo la mia fonte di dati web e quindi la limito solo ai dati per “iPhone” creando un filtro sulla dimensione Modello dispositivo mobile:

 

 

Se usi i filtri a livello di pagina, ma poi ti accorgi di voler aggiungere un grafico della scorecard KPI su dati non filtrati, puoi attivare l'opzione "Eredita filtri" nella parte inferiore delle opzioni del grafico corrente nella barra laterale. Ciò rimuoverà il filtro a livello di pagina solo da quel grafico specifico. La seguente GIF mostra come funziona:

 

Aggiunta di filtri per l'intervallo di date su Google Data Studio

Il filtro Intervallo di date si trova nella posizione in alto a destra della barra degli strumenti principale:

 

e l'icona del filtro per l'intervallo di date è quella a forma di calendario. Il filtro Intervallo di date viene aggiunto selezionando quell'icona e trascinando una forma nell'area del rapporto in cui si desidera posizionare il filtro di date. Per impostazione predefinita, il filtro verrà applicato a tutti i grafici, le tabelle e le scorecard della pagina. E se non vuoi quel comportamento? Bene, puoi limitare un filtro in modo che funzioni solo con un singolo grafico o solo con specifici grafici selezionati. Raggruppando gli elementi del grafico insieme al filtro Intervallo di date, evidenziandoli tutti contemporaneamente, il filtro verrà applicato solo a quegli elementi raggruppati: raggruppa gli elementi selezionandoli tutti, quindi facendo clic con il pulsante destro del mouse e selezionando "Raggruppa", oppure andando nel menu Disponi e selezionando "Raggruppa", oppure premendo Comando + G, ⌘G.

La seguente GIF mostra questo processo:

 

Prima di raggruppare gli elementi principali, il filtro data viene applicato a entrambi i grafici. Tuttavia, dopo aver raggruppato il grafico superiore e il filtro data, viene applicato solo a quel grafico superiore: il grafico inferiore rimane invariato anche se il filtro cambia.

 

Aggiungere filtri di controllo su Google Data Studio

L'opzione Controllo filtro è l'icona finale del filtro di controllo della barra degli strumenti principale, la seconda delle due icone evidenziate qui:

 

Un controllo filtro è un controllo che consente all'utente di restringere i dati da visualizzare nei grafici nel report. Nell'esempio seguente, ti mostrerò come aggiungere un controllo filtro per la categoria del dispositivo, in modo che un utente possa selezionare tra i dati desktop, tablet e/o mobile nel rapporto. I controlli filtro vengono aggiunti allo stesso modo di un filtro data, selezionando l'icona e trascinando la forma richiesta nel report. Ci sono opzioni di menu "Dati" e "Stile" aggiunte alla barra laterale, come segue:

 

I numeri rossi evidenziano alcune delle funzionalità specifiche, in primo luogo nel menu Dati:

1. L'origine dati: puoi modificarla se necessario, ma dovrebbe essere uguale all'impostazione della tua pagina, che è molto probabilmente ciò che desideri.

2. La dimensione del filtro di controllo, ovvero la dimensione che viene presentata all'utente come scelta e restringe i dati mostrati nei grafici e nei report. Nell'esempio è stato scelto "Categoria dispositivo", che consentirà a un utente di selezionare dati desktop, tablet e/o mobile nel rapporto.

3. La metrica da visualizzare. Se non si desidera veramente vedere tale elemento nel filtro, lo si può deselezionare.

4. L'ordinamento e il numero di opzioni da visualizzare. In questo caso, le opzioni nel mio controllo filtro verranno ordinate dal più alto al più basso, in base al numero di sessioni: quindi il desktop è in cima perché aveva il maggior numero di sessioni.

Nel menu Stili abbiamo:

5. La casella di controllo per rendere espandibile o meno il filtro di controllo. In generale, probabilmente vorrai impostare questo come espandibile a meno che tu non abbia solo un numero molto piccolo di opzioni nel controllo.

Le restanti opzioni nel menu Stile sono formattazione per elementi come bordi e sfondi, quindi sentiti libero di esplorare. Come il filtro Intervallo di date, il filtro di controllo viene applicato a tutti gli elementi del grafico in una pagina in base alla stessa origine dati, quindi se si desidera applicare solo agli elementi selezionati, è necessario raggrupparli (guarda l'immagine sopra).

 

Elementi a livello di Report e a livello di Pagina in Google data Studio

Per i report con più pagine, qualsiasi elemento nel report può essere impostato come Livello report o Livello pagina. Gli elementi a livello di report sono duplicati su tutte le pagine del report, nella stessa posizione su ciascuna pagina.

Quindi questo potrebbe essere usato per intestazioni e piè di pagina, o magari un importante KPI che vuoi mostrare su ogni pagina.

Per accedere a questa opzione, fare clic con il tasto destro del mouse sull'elemento che si desidera duplicare tra le pagine e selezionare l'ultima opzione "Crea livello di report".

Nella seguente GIF, il grafico a punti è duplicato su tutte e 3 le pagine:

Da notare: la creazione di un elemento a livello di report fa sì che non sia governato da tutti i filtri presenti in quella pagina.

 

Creare i campi calcolati in Google Data Studio

Infine, il suggerimento più tecnico dei sei.

È possibile definire nuovi campi di dati da utilizzare nei grafici e nei rapporti.

Cosa si intende con questo? È possibile aggiungere nuovi campi al set di dati, che si crea mediante un calcolo personalizzato con campi di dati esistenti. Ti mostrerò due esempi, un semplice esempio e un KPI che è un po' più utile.

Innanzitutto, creando un campo calcolato per mostrare la dimensione Media in maiuscolo, piuttosto che il mix di lettere minuscole e formato corretto del valore predefinito. Questo viene fatto applicando una formula di base alla dimensione Media. Ecco come appare la tabella con la dimensione media standard:

 

Guarda come le diverse categorie nella colonna Medium mostrano alcuni valori con maiuscole, altri senza. È disordinato, quindi cerchiamo di dare più ordine ai dati.

Sotto l'origine dati nelle impostazioni della pagina, fai clic sull'icona di modifica a destra dell'origine dati:

 

Questo apre il riquadro dei dati, mostrando tutti i campi correnti nel nostro set di dati.È qui che possiamo aggiungere un nuovo campo calcolato, che sarà quindi disponibile per l'uso nei nostri grafici. Fai clic sul piccolo simbolo "+" in blu sopra l'elenco corrente di campi per aggiungerne uno nuovo:

 

Dai un nome significativo al campo calcolato in modo da poterlo trovare facilmente in seguito: in questo esempio, lascio il campo ID da solo.

Inserisco una formula nella casella di input Formula:

 

La formula è: UPPER(Medium)

 

Fai clic su "Crea campo" sul lato destro e Data Studio aggiungerà questo nuovo campo calcolato al lungo elenco di campi nel set di dati:

 

La piccola "fx" accanto al nome del tuo campo calcolato indica che il campo è calcolato, basato su una formula; ora questo campo sarà disponibile per l'uso nei grafici.

Crea una nuova versione della tabella originale, ma sostituisci Medium con Upper Medium (il nuovo campo calcolato).

La nuova tabella sarà simile alla seguente:

 

Sembra molto più coerente, giusto?

Questo esempio illustra un campo calcolato di base, anche se esistono altri casi di applicazione più semplici.

Notate anche qualcosa di diverso?

Ci sono meno voci, perché gli elementi diversi (ad es. "Newsletter" e "newsletter" nel nostro originale) sono stati aggregati poiché ora sono identici, come ad es. “NEWSLETTER”.

 

Facciamo un altro esempio di campo calcolato: creiamo un utile KPI che possiamo visualizzare nella nostra dashboard.

Vogliamo capire la qualità del traffico proveniente da ciascuna fonte, in termini di quale percentuale effettua una conversione (un'azione specifica che vogliamo che l'utente faccia, ad esempio effettuare un acquisto o iscriversi a una nesletter).

Creiamo un nuovo campo calcolato che mostri i completamenti degli obiettivi divisi per il numero di sessioni e lo mostri in percentuale. Seguendo i passaggi precedenti, con la seguente formula, si ottiene:

 

Dopo aver fatto clic su Crea, questa nuova metrica "CQI" viene aggiunta al nostro elenco di campi nel set di dati:

 

Se sei interessato ad approfondire i campi calcolati puoi anche consultare la documentazione ufficiale di Google al link support.google.com/datastudio/answer/6299685?hl=it&ref_topic=6370331.

Se vuoi approfondire l'argomento di invito a vedere il webinar Data Visualization 101: le dashboard per il Management.

Guarda il webinar

Topics: Digital analytics

Gennaro Polito

Scritto da Gennaro Polito

Laureato in Ingegneria Gestionale con una tesi sul ruolo del crowdfunding come modalità di validazione di mercato e supporto alle startup, e spinto da una forte passione per l’innovazione e i modelli di business digitali, è Project Manager di Guanxi e supporta i clienti ad affrontare il percorso di Digital Transformation.

Potrebbe interessarti: